-

24 giugno 2019

Una poesia di Carlo Porta (1775 - 1821), poeta milanese, sul tema della ”giustizia”.

Carlo Porta pare ci abbia lasciato solo qualche anno fa! Sono invece passati 198 anni....
Avete visto sia cambiato qualcosa?


La giustizia de sto mond
la someja a quii ragner
ordii in long, tessuu in redond
che se treuva  in di tiner.

Diniguarda a mosch , moschitt
che ghe barzega on poo arent;
purghen subet el delitt
malappena ghe dan dent.

All'incontra i galavron
sbusen, passen senza dagn,
e la gionta del scarpon
la ghe tocca tutta al ragn.

                                  Carlo Porta



Traduzione

La giustizia di 'sto mondo-
assomiglia  aquelle tele di ragno
ordite in lungo  e tessute in rotondo
che si trovan nelle tinaie.

Scampi Iddio mosche e moschini
che vi capitino dentro,
purgan subito l'infrazione
non appena gli van dentro.

All'incontrario, i calabroni
bucan, passan senza danno,
ed il costo dello strappo
tocca tutto e solo al ragno.